Vincenzo Mastropirro

Biografia

Vincenzo Mastropirro Poemusico, nasce a Matera nel 1960, è pugliese di Ruvo di Puglia e vive a Bitonto (BA)

È flautista, compositore, poeta, didatta. Ha inciso oltre 20 CD con varie case discografiche, con il  Trio Mauro Giuliani, il Mastropirro Ermitage Ensemble e altre formazioni con un repertorio che va dal classico al contemporaneo, dalla contaminazione all’improvvisazione e suonato per importanti teatri e sale concertistiche in Italia e all’estero. Ha composto musiche sui versi di Alda Merini,  Vittorino Curci, Anna Maria Farabbi pubblicando, rispettivamente, i seguenti CD: Ballate (1999); Songs (2005) e il libro/cd La bambina cieca e la rosa sonora (2005).

In poesia ha pubblicato nove raccolte: Nudosceno (LietoColle, Faloppio 2007); Tretippe e Martidde (G. PerroneLab, Roma 2009, ampliata e ripubblicata Tretippe e Martidde 2.0 con SECOP, Corato 2015); Poésìa sparse e sparpagghiote/ Poesia sparsa e sparpagliata (CFR, Piateda 2013); Timbe-condra-Timbe/ Tempo-contro-Tempo (puntoacapo editrice, Novi Ligure 2016); Notturni (Terre Sommerse Roma 2017); Sud..ario Passio Christi-Passio Hominis (SECOP ed. Corato Ba 2019); Pezzecatìdde/ Briciole (Cofine ed. Roma 2019); Operette da sottoscala (Emersioni editore gruppo LIT Roma 2020).

Compare in numerose Antologie e Blog letterari. Tra i numerosi premi letterari ricevuti: Premio Lerici Pea 2015Sezione poesia in dialetto «Paolo Bertolani»; Premio Poesia Onesta Sezione dialetto 2016 Falconara Marittima (An); Premio Nazionale Galbiate (Lecco) 2018; Premio “Pietro Giannone” Città di Ischitella 2019.

 

Letture

 

Poesie

…me disse:

«la poesia dialettale non la sopporto, non è niente.”

 

Pote ìésse, ma nan ce crède,

la poésèi è tutte e nudde

inde a totte re lingue du munne

e pure cu la maje, chère de Riuve

ma spécialmède chère de mamme

ca stè chiandote ‘ncope

avvetote cume nu pirne

stritte, affunne ed etìérne.

 

…mi disse:/«la poesia dialettale non la sopporto, non è niente.”// Può essere, ma non ci credo,/ la poesia è tutto e niente/ in tutte le lingue del mondo/ e pure con la mia, quella di Ruvo/ ma specialmente quella di mamma/ che è piantata in testa/ avvitata come un perno/ stretto, profondo ed eterno.

da Poésìa sparse e sparpagghiòte (Poesia sparsa e sparpagliata) CFR ed. 2013

Pertiuse e bettiune

Accatte pertiuse d’aure

e me rediuche in povertò

m’appuonde bettiune de cartone

e guarde dall’alta vanne

poverìdde e all’aniute

spicce de chjange

ma, la scernote però nan spicce ddò

e u timbe tremuaisce

 

me sponde le bettiune d’aure

e me vìénne le pertiuse de cartone.

 

Asole e bottoni

Compro asole d’oro/ e mi riduco in povertà// aggancio i bottoni di cartone/ e distolgo lo sguardo// povero e nudo/ smetto di piangere/ ma, la giornata però non finisce qui/ e il tempo rabbrividisce// sgancio i bottoni d’oro/ e rivendo le asole di cartone.

da Poésìa sparse e sparpagghiòte (Poesia sparsa e sparpagliata) CFR ed. 2013

La tartarìughe

Osce so fatte cume la tartarìughe

so prevote a sto suotte, sotta-tìérre.

U fridde è cure giuste e sènza paghiure

me so arrevegghjòte cu la manda nirue.

 

Sparìésce pu’ timbe ca ‘nge vole

pe’ po’abbevìésce e sparìèsce arrète

linde-linde cume vole la lendìézze

linde-linde cume vole u fiote.

 

La tartaruga

Oggi ho fatto come la tartaruga/ ho provato a star dentro, sotto terra./ Il freddo è quello giusto e senza paura/ mi sono avvolto col mantello nero.// Sparisco per il tempo che ci vuole/ per poi rinascere e svanire nuovamente/ lentamente come vuole la lentezza/ lentamente come vuole il respiro.

da Pezzecatidde (Briciole) Cofine ed. 2019

Numere nirue

Assaliute numere so viste

da iune a quarandacinghe

chiandote saupe a re fùsse.

 

Fùsse de numere nirue

cuvirte da tèrra nirue

addò tutte è nirue

da quanne onne note.

 

Assaliute la muorte onne acchiòte

quarandacinghe numere nirue.

 

Nirue ca galleggiaine inde a more

aneme ca se tenaine a mone a mone

ca s’onne viste chiandò nu zippe ‘mbacce

cu saupe scritte nu numere nirue.

 

Numeri neri

Solo numeri ho visto/ da uno a quarantacinque/ piantati sulle fosse.// Fosse di numeri neri/ coperti da terra nera/ dove tutto è nero/ da quando sono nati.// Solo la morte hanno trovato/ quarantacinque numeri neri.// Neri che galleggiavano nel mare/ anime che si tenevano per mano/ che si sono visti piantare un bastone in faccia/ con su scritto un numero nero.

da Notturni – Terre Sommerse 2017

Il tempo cammina e inciampa

e in quell’inciampo c’è l’alito

e il battito sonoro di mamma

che offre il suo seno al mondo.


U timbe camèine e inciampa

ogni volta ca u saule abbrìusce

brucia le ombre negli abissi

che si arroccano dietro granelli.


U timbe camèine e ‘ndrappequàisce

quando le pietre affiorano

saupe au carrore addò camèine

dove cammino e inciampo.


Inciampo,
‘ndrappequàisce

pu’ timbe ca me remone

sul viottolo di campagna

come ultima speranza.

da Operette da sottoscala – Emersioni edizioni Gruppo LIT 2020

 

Note per la lettura

Il dialetto è quello parlato a Ruvo di Puglia, in provincia di Bari.Le e senza accento si leggono alla francese, cioè mute, escluso le e con accento grave o acuto e le congiunzioni. Gli accenti sulle altre vocali servono per facilitare la lettura

Un comentario sobre “Vincenzo Mastropirro

Deja una respuesta

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s